Come rilevare un coagulo di sangue

Un coagulo di sangue è una massa solida di sangue che si sviluppa in una delle vene, di solito nella gamba. Il coagulo, chiamato tromba, blocca il flusso di sangue nell’area del corpo in cui si trova. I coaguli di sangue non sono sempre stazionari: si possono allontanarsi dalla vena in cui si trovano e viaggiare nei polmoni, dove la trombosi (stato di avere un coagulo di sangue) può diventare mortale. Riconoscere i sintomi, oltre a utilizzare test diagnostici, consente ai medici di rilevare un coagulo di sangue.

Riconoscere i sintomi di un coagulo di sangue e riportarli al medico. La parte del corpo colpita (di solito la gamba) può essere gonfio, rosso in colore e caldo al tocco. Tenerezza o dolore dolorante può anche essere un sintomo di un coagulo di sangue.

Fare un test di sangue per controllare i livelli dimeri D. La Clinica Mayo spiega che il dimero D è una sostanza nel sangue che scioglie i coaguli e può essere elevata in persone che presentano coaguli di sangue. Questo test non è sempre la risposta definitiva se esiste un coagulo di sangue ma può essere parte del processo diagnostico.

Sottoporre test di imaging per rilevare un coagulo di sangue. La risonanza magnetica dell’immagine, le scansioni CT e gli ultrasuoni vengono utilizzati per consentire ai medici di vedere letteralmente se esiste un coagulo di sangue.

Avere una scansione delle vene, se il medico sospetta di avere un coagulo di sangue. Questa procedura prevede l’iniezione di un agente radioattivo, chiamato tracciante, nella tua vena. Una scansione viene eseguita dopo che il tracciante ha avuto la possibilità di entrare nel flusso sanguigno. Il coagulo di sangue sarà visto come un punto luminoso sullo schermo, a causa del contrasto del tracciante.